ENGLISH VERSION


Dati personali
Pubblicazioni
Articoli
CAP TV
Interviste
Voci dei lettori

 CERCA


Carlo A. Pelanda
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
back

Lettere a CP del 2022

31/8/2022
Buongiorno oggi 31 agosto ho letto sul Sussidiario il suo articolo sulla necessita' di una politica europea in materia energetica. Approfitto della sua conoscenza dell'argomento per chiarirmi un dubbio derivante da calcoli sui consumi storici per il riscaldamento della mia abitazione.
Se ho fatto bene i conti fino al 2021, prima del caos recente, ho pagato un importo annuo equivalente a circa 125.000 euro a megakwh.
La differenza rispetto ai prezzi sulla piazza di Amsterdam sarebbe enorme.
C'è qualcosa di sbagliato nei miei calcoli ?
Sono partito dal dato che un mc di gas corrisponde a 10,69 kwh di energia.
Grazie e un cordiale saluto
Vittorio Cionini
12/6/2022

Egregio signor Pelanda,
ho letto con interesse il Suo articolo sul giornale "La verità".
Mi permetto di scriverLe per porre alla Sua attenzione un particolare che, anche se sembra essere di poco conto,
in effetti è di considerevole importanza:
al punto 5 dei 6 da Lei proposti per rinforzare l'attività diplomatica dell'Italia Lei scrive:

Lanciare il progetto «Lago
adriatico» come zona specia-
le di collaborazione econo-
mica e ambientale tra tutte le
nazioni costiere, includendo
Serbia, Ungheria e Austria,
dando a queste nazioni non
marittime, pur danubiane,
uno spazio per poter mettere
loro bandiere sulle navi,
Trieste /Capodistria /Pola
Hub & Host;

A parte il fatto che Capodistria è un porto sloveno e Pola croato e non capisco come l'Italia possa "dare" a quelle nazioni che Lei cita qualcosa che non possiede,
il Porto Franco Internazionale di Trieste amministrato dal Governo Italiano offre di per sé quella opportunità di diritto già dal 1947 in base al Trattato di Pace
di Parigi e, più esattamente, all'allegato VI articolo 33.2, dove il Porto Franco di Trieste, solo ed esclusivamente come
Ente del Territorio Libero di Trieste (e quindi non come porto della Repubblica Italiana) viene messo a disposizione
dei Governi di Austria, Ungheria, della Svizzera e della Cecoslovacchia ( e per discendenza oggi ai governi della Cechia e della Slovacchia).
A questi governi basterebbe fare valere un loro diritto stabilito dal Trattato di Pace e quindi non è un'arma diplomatica in mano dell'Italia. Anzi, si direbbe
che il Governo Italiano in questi decenni abbia fatto di tutto per boicottare il Porto Franco Internazionale di Trieste.

Se Le interessa approfondire l'argomento (interessantissimo) del Territorio Libero di Trieste e del suo Porto Franco Internazionale (esistente solamente come
ente del Territorio Libero) Le consiglio questa lettura:


https://ipr-ftt.one/onewebmedia/IPR%20FTT%20Expertise%20V%20IT.pdf

Nel caso avesse delle domande al riguardo mi farebbe molto piacere esserLe d'aiuto.

Distinti saluti,

Gianni Kriscak

16/1/2022

Preg.mo dottor Pelanda sono un lettore del quotidiano "La Verità", oggi mi sono imbattuto nel suo interessante articolo in cui parla delle Terre Rare. Spero possa destare anche un minimo interesse la lettura di un mio articolo scientifico sugli inquinanti e Terre Rare (in allegato).
Nell'articolo, che deve necessariamente avere un taglio scientifico, evidenzio la possibilità di trasformare alcuni inquinanti in altre sostanze (comprese le Terre Rare); ad esempio i reflui tossici delle porcilaie, dannosissime per il terreno per l'elevato contenuto di azoto, possono essere trasformati in acqua irrigua. La tecnologia oggi lo consente. E' una tecnica già sperimentata dal mio amico e concittadino professor Fabio Cardone (CNR) con la partecipazione delle forze armate italiane qualche anno fa (per la trasformazione delle sostanze radioattive). Attualmente la chiamiamo "metamorfosi" della materia in onore al nostro concittadino più illustre:Ovidio.

Cordialità
Maurizio Proietti
medico

https://www.researchgate.net/profile/Maurizio-Proietti
https://www.researchgate.net/publication/351125307_Pressure_waves_shock_waves_and_cavitation_Avant-garde_techniques_for_the_transformation_of_pollutants_the_Italian_contribution

 

P.S. i primi passi professionali li ho mossi a Pontebba e Tarvisio

 

Allegati:

ELABORATO 05.pdf

ELABORATO 005.ENG.pdf

FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli
X
La tua privacy è importante
Utilizziamo, senza il tuo consenso, SOLO cookies necessari alla elaborazione di analisi statistiche e tecnici per l'utilizzo del sito. Chiudendo il Cookie Banner, mediante il simbolo "X" o negando il consenso, continuerai a navigare in assenza di cookie di profilazione. More info

Tutti Cookie tecnici Cookie analitici di terze parti

Accetto Chudi