ITALIANO


 VITA
  Biography    Gallery     Interview    Awards     CAP Channel

 PUBLICATION

  Books     Essays     Res. Reports
  Arrticles since 1998

 LETTERS

  Write to CP
  Read Letters    Archives

 SEARCH


Carlo A. Pelanda
X  
fb Tw print

La Verità

2020-3-22

22/3/2020

Il rischio che la pandemia faccia implodere le democrazie scoordinate e vincere la Cina

Le democrazie stanno gestendo l’emergenza epidemiologica globale in modi scoordinati, con politiche che tendono ad inseguire la crisi dei contagi invece di anticiparla e, soprattutto, con un ritardo nel costruire canali sicuri e separati sia per i flussi produttivi e commerciali sia per i percorsi medici allo scopo di preservare la viabilità dei primi. Inoltre, una crisi di blocco produttivo e commerciale non è gestibile solo con una, pur necessaria, alluvione di liquidità, ma mantenendo attivo il ciclo economico nei livelli nazionali ed internazionale nonostante l’epidemia. Le democrazie fanno fatica ad armonizzare i requisiti di continuità economica e sicurezza medica mentre i regimi autoritari, in particolare la Cina, hanno più capacità di farlo. Ciò genera un rischio prospettico di implosione del capitalismo democratico che poi porti alla vittoria di quello autoritario, con la conseguenza di cedere alla Cina nazionalcomunista il potere di determinare gli standard del mercato globale, cioè la superiorità. Ma c’è ancora la possibilità di evitarlo.

Stati Uniti e Regno Unito, dove c’è una marcata capacità di pensiero strategico audace, hanno inizialmente tentato di mantenere attiva l’economia, confidando sul fatto che il virus fosse poco mortifero, anziani a parte, e puntando sul concetto di “immunità di gregge”, forzandolo, sia per contrastare il rischio di implosione economica e poi geopolitica sia, in particolare l’America, per trovarsi in condizioni di contrastare la strategia cinese di domino globale. Ma poiché in una democrazia non si può nascondere a lungo l’informazione e non si possono mettere i morti in fosse comuni nascoste - come successo in Cina, Russia, Iran, Corea del Nord, ecc. – l’immagine di centinaia di migliaia di agonizzanti che non trovano terapie travolgerebbe qualsiasi governo, la decisione/scommessa iniziale è stata invertita attivando il primato della sicurezza medica e accettando conseguentemente un impatto economico massivo. Anche Francia e Germania hanno tentato di rinviare il più possibile misure salvavita, ma ammazza-economia, fino all’impossibilità di farlo per l’evidenza che la domanda di ospedalizzazioni avrebbe ecceduto di gran lunga l’offerta. Il Giappone ha scelto la strategia di contenimenti selettivi e riservati, con fiducia sulla ricerca di terapie antivirali (ieri rafforzata) per non bloccare l’economia e tentare di rendere sicura la nazione allo scopo di celebrare le olimpiadi per ottenere un vantaggio simbolico-geopolitico. La Corea del Sud ha trovato una strategia efficace di armonizzazione tra sicurezza medica e continuità economica: individuazione istantanea dei focolai e loro isolamento totale, grazie all’uso di tecnologie informatiche, per evitare il blocco dell’intera economia nazionale. Per inciso, anche l’Italia dovrebbe fare così invece di bloccare tutto per gap di organizzazione e tecnologia. Ma senza coordinamento tra democrazie per formare canali sanitarizzati (certificati) per i flussi internazionali, nonché nazionali, e creando percorsi di ospedalizzazione più estesa e blindati, il rischio di implosione delle singole nazioni e del complesso democratico aumenterà per blocco troppo lungo dell’export.

Se il commercio internazionale si blocca, la Cina che dipende molto dalle esportazioni andrebbe nei guai come gli altri? In realtà, potendo contare su un enorme mercato interno e potendo operare senza vincoli di trasparenza, i suoi guai sarebbero minori degli altri. E ci sono già alcuni segnali che indicano una strategia raffinata e mascherata per trarre vantaggio da questa situazione. Ciò non vuol dire che il complesso delle democrazie sia debole. Ma se resta scoordinato diventa debolissimo. E al momento lo è perché nell’emergenza prevalgono tipicamente le chiusure nazionali e nelle nazioni c’è stato un tentativo di “scamparla” che ora provoca un ritardo nel passare a nuovi metodi di gestione della crisi. Mentre la Cina in quanto sistema autoritario e grande ha potuto bloccare con repressione totale una (in proporzione) piccola parte del Paese per contenere il virus è ora pronta a cogliere le opportunità dell’indebolimento altrui. Pertanto le democrazie hanno la priorità: a) di creare un accordo economico tra loro in forma di mercato internazionale integrato da standard di sicurezza medica per i flussi economici, poi da adottare in ogni nazione, emessi da un G7 allargato; b) alla fine dell’emergenza medica strutturare tale mercato in modi che possa definire dei criteri di accesso che possano condizionare la Cina a comportamenti onesti, trasparenti e non predatori; c) il tutto possibile se Ue, America e Giappone decideranno di convergere; d) in particolare per accelerare insieme - con ricerca in concorrenza, ma con finanziamenti integrati – l’individuazione rapida di un vaccino e la sua somministrazione istantanea a livello globale, questo il nuovo strumento di superiorità e della sua legittimazione competitiva. Il punto è se nel futuro il mondo lo comanderanno le democrazie o la Cina e simili: il come le prime si organizzeranno, armonizzando requisiti medici ed economici, sarà determinante. L’Italia è in gap di pensiero strategico ed organizzativo su questo punto, complicato da un eccesso di collaborazionismo immorale con il regime nazionalsocialista cinese, da colmare con urgenza anche per motivi di reputazione nazionale entro il complesso democratico.

www.carlopelanda.com   

(c) 2020 Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli