ITALIANO


 VITA
  Biography    Gallery     Interview    Awards     CAP Channel

 PUBLICATION

  Books     Essays     Res. Reports
  Arrticles since 1998

 LETTERS

  Write to CP
  Read Letters    Archives

 SEARCH


Carlo A. Pelanda
X  
fb Tw print

L' Arena, Giornale di Vicenza, Brescia Oggi

2019-12-23

23/12/2019

Politica debole ma società forte

Al trentennale declino della ricchezza nazionale e alle crisi visibili in alcuni settori industriali si contrappongono i dati che mostrano un’economia ancora così forte e reattiva da rendere possibile l’inversione del declino stesso qualora si instaurasse una conduzione politica che mettesse al centro della missione di governo lo sviluppo. Nel 1861 i protagonisti del risorgimento italiano dissero: l’Italia c’è, ora bisogna fare gli italiani. Oggi bisognerebbe dire: gli italiani ci sono, ora c’è da rifare l’Italia.  

Nei commenti prevale l’attenzione ai fatti negativi – fatto comprensibile per la missione critica della stampa in una democrazia -   ma il Natale è occasione per farci tutti un dono reciproco richiamando l’attenzione su quanto di positivo c’è nella nostra comunità nazionale. Chi scrive, oltre al mestiere accademico, è anche stratega di un gruppo di investimenti industriali. Da questo osservatorio si vede che non c’è posto al mondo come l’Italia dove le piccole e medie aziende sono definibili come “salvadanai magici”: ci metti 1 euro e poi ne ricavi 3. Il merito è di una cultura d’impresa eccezionale per flessibilità, capacità innovativa e audacia commerciale. Certo, ci sono gap. Ma il dato rilevante è che un numero crescente di aziende li sta risolvendo rapidamente   – anche rendendosi conto che “piccolo” non è più bello - segno di una grande reattività e consapevolezza dei requisiti di competitività, per altro senza facilitazioni dalla politica economica, anzi. Nessun Paese può esibire un così grande numero di piccole-medie aziende internazionalizzate. E ce ne sono almeno tremila che nei prossimi 5 anni potrebbero quotarsi posizionando Borsa italiana tra le più grandi del mondo.

Molti sociologi descrivono una società italiana in disfacimento morale. Le centinaia di migliaia di volontari dedicati a servizi nelle comunità locali e milioni di famiglie solide non sarebbero d’accordo. Poca istruzione? Certo, ma c’è anche il fenomeno di auto-apprendimento informale non registrato dalle ricerche standard. Individualismo? Certo, ma anche un’imprenditoria di massa che non ha eguali nel pianeta. Disordine? Certo, ma anche grandi vitalità e attivismo diffuso. Un ricercatore tedesco, ospite dello scrivente in questi giorni, ha detto: voi in Italia siete fortunati perché riformare istituzioni che non funzionano è molto più facile che rendere vitale una società passiva. La citazione è indirizzata ai politici. Cari auguri. 

www.carlopelanda.com             

(c) 2019 Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli