ENGLISH VERSION


 VITA
  Biografia     Gallery     Interviste     Premi     CAP Channel

 PUBBLICAZIONI

  Libri
  Saggi
  Ricerche
  Articoli dal 1998

 LETTERE

  Scrivi a CP
  Leggi le lettere
  Archivio

 CERCA


ENGLISH Carlo A. Pelanda SEARCH
X  

MENU   VITA   ARTICOLI   INTERVISTE
fb Tw print

Carlo Pelanda: 2010-5-3L' Arena,
Giornale di Vicenza,
Brescia Oggi

2010-5-3

3/5/2010

La poca crescita dipende dal modello politico

Il Pil complessivo del mondo sta crescendo oltre il 4% nel 2010 trainato dalla ripresa cinese (10%), indiana (8%) e statunitense (3,5%). Di fronte a questi dati i cittadini dell’Eurozona -, e dell’Italia in particolare - potrebbero restare sconcertati. L’economia globale è in boom, l’inflazione da crescita già visibile,  ma l’Europa resta in stagnazione. La crescita ora prevista nel 2010 sarà attorno all’1% stentato, quella in Italia poco più dello 0,5%. La disoccupazione sta crescendo. Nell’America che fu l’epicentro della crisi finanziaria del 2008 la gente sta tornando a consumare e  le imprese ad investire con frenesia ottimista, nell’Eurozona ed in Italia resta l’incertezza economica. Perché? Come andrà?

Dai primi anni ’90 quella che è oggi l’Eurozona tende a crescere, circa, metà dell’America ed un quarto in meno della Cina, l’Italia metà della media europea. Gli Stati sociali di Francia, Germania ed Italia, le cui economie formano i 2/3 del Pil dell’Eurozona, vengono finanziati via deficit pubblico e non via crescita. Nell’area europea le tasse sono le più alte al mondo, le protezioni sindacali più diffuse ed i costi degli apparati amministrativi/politici i più elevati. Ciò spiega perché l’Eurozona cresce poco: il mercato è vincolato da protezionismo sociale eccessivo e da costi abnormi sia fiscali sia sistemici, i secondi dovuti alla poca concorrenza. Per un ricercatore, questi sono i tipici difetti di un modello socialista, dove la redistribuzione della ricchezza via mediazione statale è concepita senza valutare quanto comprima la creazione della ricchezza stessa. Quindi, in sintesi, i lettori che sono in ansia perché in cassa integrazione o temono di andarci, i commercianti, artigiani, professionisti che vedono i loro volumi di affari depressi, i giovani che non trovano lavoro e, in generale, le famiglie che soffrono di questo stato di tensione, devono sapere che ciò succede, principalmente, a causa del modello politico. Nelle altre economie del pianeta il modello è diverso, nel senso che lascia, malamente o con più equilibrio a seconda dei regimi politici, più spazio al libero mercato. Per questo il resto del mondo cresce di più dell’Eurozona e molto di più dell’Italia il cui modello socialista è particolarmente disordinato ed indebitato. Ovviamente sto semplificando in modo esagerato, ma ciò serve a rendere chiaro il punto. Volete il lavoro e la crescita? Bisogna liberalizzare il mercato, ridurre le tasse ed i vincoli eccessivi, o se no non verranno. In particolare, dare più responsabilità economica ai cittadini riducendo quella dello Stato. La scommessa dell’economia sociale di mercato – nell’Eurozona dottrina condivisa sia a destra sia a sinistra - di dare accesso per diritto alla ricchezza via redistribuzione ed alte tasse è fallita perché soffoca troppo il mercato. Questo non vuol dire invocare lo Stato minimo, ma il ribilanciare Stato e mercato affinché il secondo sia più libero di creare ricchezza. Se così non succederà, l’Eurozona continuerà a stagnare ed a perdere, pur lentamente, ricchezza. Questo è il macroscenario di fondo. Quello di medio termine vede una lenta e fiacca ripresa dell’Eurozona per il semplice fatto che la domanda globale sta trainando l’export e pian piano ciò aumenterà il Pil e, tra due anni, ridurrà la disoccupazione. Lentamente. Non ci sarà alcun disastro, ma senza liberalizzazioni e detassazioni, alla fine, ci troveremo più poveri, fragili e tristi. Chi sostiene  il modello socialista attuale, pur con buone ragioni etiche, deve rendersi conto che nella realtà non funziona ed impoverisce.  

(c) 2010 Carlo Pelanda
FB TW

(c) 1999 Carlo Pelanda
Contacts: letters@carlopelanda.com
website by: Filippo Brunelli